Modello Rinuncia Eredità: Compilazione, Costi e Procedura

Quando si parla di eredità molto spesso ci si chiede se sia possibile Rinuncia Eredità, potrà sembrare strano o assurdo, ma ci sono persone che per svariati motivi vogliono rinunciare all’eredità, in questa guida di approfondimento oltre a mettere a disposozione il Modello/Modulo da scaricare e compilare per la Rinuncia dell’Eredità (disponibile in versione Pdf e Doc), vedremo anche qual è la procedura da seguire in questi casi, quali sono gli eventuali costi da sostenere, quali sono i termini da rispettare e tutte le altre informazioni da conoscere sull’argomento.

Rinuncia Eredità: che cos’è e come funziona

Prima di entrare nel dettaglio della guida e vedere come procedere alla rinuncia dell’eredità e alla compilazione del relativo modello di rinuncia, è giusto fare un breve riepilogo e introduzione per comprendere al meglio di cosa stiamo parlando ed in cosa consiste l’eredità e la relativa rinuncia.

L’Eredità è un insieme di beni materiali ed immateriali che vengono tramandati alla morte di un genitore o di un parente a legittimi eredi, cioè coloro che per legge possono beneficare di questi beni.

Quando una persona viene a mancare gli eredi devono attivare tutta una serie di pratiche che consentiranno loro di entrare in possesso dei beni lasciati a morte dalla cara persona, ogni erede ha però facoltà di rinunciare all’eredità che viene lasciata che sia per grado di parentela o per testamento scritto.

Anche nel caso di rinuncia all’eredità sarà necessario produrre e compilare una serie di documenti e sostenere anche dei costi, vediamo di seguito come si deve procedere.

Rinunciare all’Eredità, una scelta prevista dalla legge

Come abbiamo specificato è un diritto dell’erede poter scegliere di rinunciare alla sua eredità lasciata dalla morte di una cara persona, la rinuncia dell’eredità è prevista nel nostro ordinamento e disciplinata dal Codice civile all’articolo 519:

“La rinunzia all’eredità deve farsi con dichiarazione, ricevuta da un notaio o dal cancelliere del tribunale del circondario in cui si è aperta la successione, e inserita nel registro delle successioni.”

Tutti i cittadini per legge possono quindi rinunciare all’eredità per qualsiasi motivo, spesso si fa fatica ad immaginare come si possa rinunciare ad un’eredità ma non sono rare situazione dove le eredità che vengono lasciate possono creare più problemi che altro, si pensi ad esempio una situazione ereditaria dove i debiti del defunto sono maggiori dei crediti.

In questo caso per l’erende la rinuncia all’eredità può essere una soluzione a problemi futuri che una situazione del genere può creare.

Come rinunciare all’eredità

Quando si ha la necessità di rinunciare all’eredità è necessario farlo mettendo nero su bianco, ossia compilando un apposito modulo nel quale si dichiara di rinunciare all’eredità, una volta compilato in tutte le sue parti l’apposito modello di rinuncia si dovrà procedere con la formalizzazione della rinuncia che potrà essere effettuata  davanti ad un notaio o dal cancelliere del Tribunale del luogo in cui si è aperta la successione (come prevede l’articolo 519 del Codice civile).

Tutti coloro che rientrano nell’eredità possono rinunciare all’eredità anche in assenza di un testamento da parte della persona defunta, nel caso in cui l’erede sia un minore è possibile comunque procedere alla rinuncia saranno i genitori/tutori a richiedere al giudice tutelare l’autorizzazione per la rinuncia all’eredità.

Il giudice competente che si occupera della questione è quello del luogo di residenza del minore o del tutore.

Questo passaggio è quanto mai fondamentale ai fini della pratica, quindi se la richiesta di rinuncia non viene formalizzata dal notaio o in tribunale viene considerata nulla a tutti gli effetti.

Ricordiamo ifine che la dichiarazione di rinuncia all’eredità viene inserita nel Registro delle successioni e conservata presso Tribunale.

Ricordiamo infine che chi procede con la dichiarazione di rinuncia potrà farlo solo in maniera totale, cioè non è possibile rinunciare solo ad una parte dell’eredità o scegliere cosa accetta o rinunciare.

Rinuncia Eredità: Costi e moduli da presentare

Oltre al modello di dichiarazione che permette di rinunciare all’eredità ci sono anche altri documenti da richiedere e da allgare alla richiesta, vediamo di seguito quali sono:

  • certificato di morte in carta libera (o autocertificazione);
  • una marca da bollo da 16 euro;
  • documento valido di riconoscimento;
  • codice fiscale del defunto e del rinunciante (anche se minore/interdetto/inabilitato o sottoposto ad amministrazione di sostegno);
  • copia conforme del testamento (qualora esista);
  • nota di iscrizione a ruolo;
  • versamento per la registrazione di 200 euro da effettuarsi contestualmente alla redazione dell’atto tramite modello F23 che si ritira presso l’URP (il prezzo varia a seconda del Tribunale al quale ci si rivolge).

Rinuncia Eredità: Termini da rispettare

Chi è interessato alla rinuncia dell’eredità spesso si chiede quanto tempo si ha per formalizzare la richiesta di rinuncia, le attuali leggi in materia di eredità consentono all’erede 10 anni di tempo per poter presentare la richiesta di rinuncia (articolo 480 del Codice civile), il conteggio dei 10 anni parte dal giorno della morte della persona che lascia l’eredità.

Tuttavia, esistono dei casi in cui il termine per rinunciare può essere abbreviato: un creditore – o chiunque altro ne abbia interesse – può chiedere al Tribunale che venga fissato un termine inferiore entro il quale l’erede deve dichiarare se accetta o rinuncia all’eredità.

Costi Rinuncia Eredità

C’è poi la questione legata ai costi da sostenere, infatti chi intende rinunciare all’eredità deve anche provvedere al pagamento di alcune spese, di seguito vediamo quali sono secondo le attuali leggi in vigore:

  • una marca da bollo da 16 euro per la redazione dell’atto,
  • una tassa di 200 euro per la registrazione dell’atto da pagare con modello F23,
  • ulteriori costi per marche da bollo o diritti di cancelleria per eventuali copie autentiche.

Ci sono poi i costi del Notaio, in questo caso non esiste una cifra precisa poichè ogni Notaio applica una propria tariffa, in ogni caso la spesa notarile non dovrebbe superare i 1.000 euro, nella maggior parte dei casi il costo si aggira sui 750-800 euro circa.

Quando conviene rinunciare all’eredità?

Come abbiamo visto ci sono delle particolari situazioni in cui per l’erede è più conveniente rinunciare all’ereidtà anzichè accettarla, visto che una volta presentata la domanda per la rinuncia all’eredità non è possibile tornare indietro è consigliabile prima effettuare un’attenta valutazone della situazione.

In questi casi è cosigliabile rivolgersi ad un notaio che, dopo aver analizzato i registri catastali e verificato eventuali fallimenti o pignoramenti, sarà in grado di fare un saldo effettivo tra i debiti e i crediti oggetto dell’eredità. Dopo questa operazione si potranno fare le opportune considerazioni.

Modello/Modulo Rinuncia Eredità in Pdf/Doc

Di seguito mettiamo a disposizione il Modello/Modulo da compilare per avviare la pratica di rinuncia all’Eredità, il Modello dovrà essere compilato in tutte le sue parti, essere debitamente firmato e correddato degli altri documenti che abbiamo elencato in precedenza.

Il Modello è disponibile sia in formato Doc (Microsoft Word) che in Pdf, è possibile scaricare il Modello in maniera completamente gratuita senza pagare nulla, basta cliccare sull’apposito bottone e scaricare il Modello sul proprio Pc.

Leave a Reply