Disdetta Canone Rai per decesso: Istruzioni e Modello da Compilare

La disdetta o la revoca del canone rai è possibile farla per svariati motivi come abbiamo approfonditamente trattato in questa guida, tra i motivi per cui è possibile presentare una domanda di disdetta c’è anche il decesso, cioè quando il cittadino che paga regolamente il canone rai muore e per tanto sarà necessario compilare degli appositi modelli e seguire la procedura per indicata dall’Agenzia delle Entrate per evitare che anche in caso di morte si continui a pagare il Canone Rai.

In questa guida andremo a vedere la procedura passo passo, chi può presentare la disdetta in caso di decesso, qual è il Modello da compilare, quali sono gli indirizzi dove inviare la documentazione e si ci sono eventuali spese da sostenere.

Disdetta Canone RAI per Decesso chi può presentare la domanda

Quando una persona che paga regolarmente il canone rai viene a mancare (decesso) per evitare di continuare a pagare il Canone è necessario seguire un’apposita procedura di disdetta che deve essere scaricata e compilata con tutti i dati dell’intestatario, ma prima di entrare nel dettaglio è bene vedere chi può presentare questa domanda se sono presenti eredi o in mancanza di essi le altre persone che per legge possono agire per il deceduto:

  • 1 Caso: Famiglia composta da una sola persona titolare di utenza elettrica di tipo residenziale che vive in una abitazione dove è presente un apparrecchio televisivo. Muore il titolare dell’utenza elettrica. Erede un figlio residente in un’altra abitazione e intestatario di un’utenza elettrica su cui è dovuto il canone.
  • 2 Caso: Famiglia composta da due coniugi che vivono presso un’abitazione dove l’utenza elettrica è intestata al marito, ma non vi sono apparecchi televisivi. Muore il marito.
  • 3 Caso: Famiglia composta da una sola persona titolare di utenza elettrica di tipo residenziale che vive in una abitazione dove è presente un apparrecchio televisivo. Muore il titolare dell’utenza elettrica. Erede un figlio coniugato e residente in un’altra abitazione, ma intestatario di un’utenza elettrica su cui è dovuto il canone è sua moglie. Figlio e coniuge residenti nella stessa abitazione.

Disdetta Canone RAI per Decesso, Modello da Compilare

Come abbiamo specificato per poter procedere alla revoca dell’abbonamento Rai in caso di decesso è necessario compilare un apposito modello messo a disposizione dall’Agenzia delle Entrate.

All’interno del Modello è necessario inserire tutti i dati della persona defunta e quindi colui che pagava il Canone Rai ed inserire tutti i dati della persona che presenta la domanda di recesso a nome del defunto, figlio o erede.

In entrambi i casi i dati che andranno inseriti all’interno del Modello sono i seguenti:

  • nome
  • cognome
  • data di nascita
  • luogo di nascita
  • provincia di nascita
  • codice fiscale
  • firma di chi presenta la domanda
  • allegare fotocopia del documento di chi presenta la domanda

Disdetta Canone RAI: Come inviare il Modello

Una volta compilato scaricato e compilato il Modello dovrà essere inviato all’Agenzia delle Entrate affinchè possa verificare la pratica e revocare definitivamente il pagamento del canone rai, chi deve presentare questa domanda ha a disposizione diverse opzioni per inviare la documentazione, vediamo di seguito quali sono i casi previsti dalla legge:

  • con raccomandata con ricevuta di ritorno al seguente indirizzo: Agenzia delle Entrate S.A.T.
    Sportello Abbonamenti TV – Ufficio Torino 1 – Casella postale 22 – 10121 Torino
  • trasmissione mediante posta elettronica certificata (l’indirizzo è cp22.sat@postacertificata.rai.it), sapendo però che il modulo disdetta canone Rai per decesso pdf dovrà essere firmato digitalmente;
  • utilizzo dell’applicazione web disponibile sul sito di Agenzia delle Entrate, sapendo che si dovrà disporre delle credenziali Fisconline – Entratel o Spid.

Va ricordato che il Modello dovrà essere spedito il prima possibile, sapendo che se la comunicazione viene inoltrata dal 1° Luglio al 31 Gennaio dell’anno successivo alla scomparsa, si è esonerati dal pagamento per l’interno anno successivo.

Nel caso la documentazione venga inoltrata in ritardo, ossia nel periodo che va dal 1° Febbraio al 30 Giugno dell’anno successivo alla scomparsa, sarà tenuto al pagamento del canone Rai relativamente al secondo semestre dell’anno (Luglio/Dicembre).

Disdetta Canone RAI per decesso, soluzioni alternativa

Per poter effettuare la disdetta del Canone Rai a seguito del decesso c’è anche un’altra soluzione che spesso non viene presa in considerazione poichè non può essere sempre applicata, stiamo parlando della possibilità di chiedere direttamente la disdetta dell’utenza elettrica, cioè del contratto di abbonamento per la fornitura di energia elettrica, in questo caso in maniera automatica decadrebbe anche il pagamento del Canone RAI.

Mentre nel caso in cui al decesso della persona qualche erede voglia subentrare nel medesimo appartamento allora non si dovrà fare nessuna disdetta ma si dovrà semplicemente effettuare una voltura dell’utenza elettrica, anche qui c’è un apposito modello da compilare ed una precisa procedura da seguire per poter fare la voltura.

Leave a Reply